• Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
Tavernola - Locanda di Campagna
Home Eventi ANTIQUARIUM DI PALINURO
ANTIQUARIUM DI PALINURO PDF Stampa E-mail
ANTIQUARIUM DI PALINURO CENTOLA www.tavernola.it 26/04/2013 - 25/04/2014 Erano gli anni '50, sull'altura di Templa della Guardia gli scavi dimostravano, giorno dopo giorno, che la storia di Palinuro era solida e ricca e non aveva più bisogno delle evocazioni mitologiche virgiliane per imporsi. Era una storia con tracce risalenti al V secolo a.C., quando gli antichi scrittori cominciarono il racconto di quest'area chiamata Enotria, nella quale la riorganizzazione politica della costa tirrenica portò ad una nuova dislocazione di comunità indigene e greche insediate nelle sub-colonie sibarite. La ricostruzione di rapporti tra collettività così diverse emerse, durante quegli scavi, dalla eloquenza di monete arcaiche, un segno di autonomia gestionale delle comunità indigene legate alla metropoli achea. Da alcuni decenni l'Antiquarium di Palinuro, che raccoglie questi preziosi reperti, è un bene dell'Ente Provinciale per il Turismo di Salerno che intende tramandare l'antica cultura del luogo per consegnarne alle generazioni future il respiro profondo delle civiltà che l'animarono: ideato per questo scopo, d'intesa con la Soprintendenza per il Beni Archeologici, la Provincia, il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e degli Alburni e il Comune di Centola, l'Antiquarium rilancia il legame di questa terra con la sua antica storia. Dicevamo delle monete, che testimoniano l'assetto organizzativo delle antiche comunità: ebbene, una su tutte s'impone ai visitatori, quella d'argento, datata intorno al 530/520 a.C., con l'immagine di un cinghiale impressa su un lato e la legenda in lettere greche PAL-MOL, chiaro riferimento a Palinuro e a Molpa, la città antica i cui ruderi sono visibili su una collina vicina. Siamo in un'area molto ben difesa: le tracce raccolte nell'Antiquarium testimoniano di due fortificazioni costruite a protezione della comunità residente. Nella prima, quella più alta, c'era l'acropoli, l'insediamento alto; la seconda tracciava un discrimine tra abitato e necropoli. In quest'ultima, archeologi e storici hanno ricostruito due distinti riti funerari che, dai reperti ritrovati, indicano una precisa adesione a modelli culturali greci. Le tombe ad inumazione evidenziano un tracciato a fossa e i relativi corredi, tutti puntualmente decorati, costiuiti di ceramica cosiddetta geometrica. Anche qui compaiono le due civiltà quella indigena e l'altra di diretta derivazione greca: furono rinvenuti, infatti, vasellame indigeno e vasi greco-coloniali con coppe ioniche, coppette a fasce, brocche, crateri, oinochoai e hydriai. Doppio anche il modello delle tombe ad incinerazione: alcune sono costituite da casse di tegole, con all'interno vasi ionici senza ceramica del luogo, altre evidenziano tombe a pozzo, con vasi inseriti nel cinerario, costituito da un cratere kantharos con un ciottolo alla sommità. In queste ultime i vasi di corredo sono molto simili a quelli delle tombe ad inumazione. ORARIO DI APERTURA Martedì 8,00/13,00 Mercoledì/Venerdì 8,00/13,00 - 17,00/20,00 invernale 8,00/13,00 - 17,00/18,00 Sabato/Domenica 8,00/13,00 Curatore: Ente Provinciale per il Turismo di Salerno Telefono: 0974 918003 Genere: Turismo Area: Cilento Mese: Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre, Ottobre, Novembre, Dicembre Luogo: CENTOLA
 
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)French (Fr)

Prenota Online

Prenota subito online

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter. Ricevi HTML? Riceverai le promozioni, i pacchetti e gli eventi di Locanda Tavernola.

Utenti Collegati

 69 visitatori online

Seguici su


Locanda Tavernola

Via G. Noschese, 26
84091 Battipaglia (SA)

Contatti

Tel.: 0828.631065
Mobile: 335.206341
Fax: 0828.1990440
E-mail: info@tavernola.it

Ragione Sociale

Ristorante Albergo Tavernola srl
Partita IVA 04854290659

Coordinate GPS

Latitudine: 40.58982
Longitudine: 14.95044